UAB laureata ora dirige la School of Optometry in Malawi

UAB laureata ora dirige la School of Optometry in Malawi

La Dott.ssa Sara McGowan è l'attuale capo della Scuola di Optometria presso l'Università Mzuzu in Malawi. La scuola è stata fondata nel 2009 con il finanziamento di Optometry Giving Sight, del Brien Holden Vision Institute e di Sightsavers. Finora ha prodotto 5 laureati e altri 48 studenti tra il primo e il quarto anno. La Dott.ssa McGowan è stata recentemente profilata in Woman in Optometry.

Nel periodo che va dalla laurea del 2003 all’inizio della scuola di optometria, Sara McGowan, OD, MS, FAAO, si prese un po' di tempo per viaggiare per il mondo. Questo viaggio iniziò  con tre mesi di volontariato in una borgata nella periferia di Città del Capo, in Sud Africa. Il viaggio è poi continuato per altri nove mesi attraverso l'Europa. Nella scuola di optometria ha lavorato come Studentessa Volontaria per i Servizi Optometrici all'Umanità (SVOSH) e dopo aver completato un master in malattie oculari presso l'Università Bascom Palmer Eye Institute di Miami, il consigliere di facoltà presso la sua University of Alabama, Marcela Frazier, OD, MPH, FAAO, la introdusse al lavorare presso il Brien Holden Vision Institute.

Dr. Sara McGowan

Ha rilasciato la sua intervista a due rappresentanti, via Skype, durante una missione VOSH in Colombia. La corrente e il wi-fi nel suo hotel erano saltati, così si è dovuta spostare in un vicino hotel a 5 stelle dove ha potuto collegare il suo telefono a una presa di un corridoio. Sara è stata assunta nel 2012 per insegnare alla Mzuzu University School of Optometry in Malawi. Il Brien Holden Vision Institute, Sightsavers International e Optometry Giving Sight hanno sviluppato questo progetto iniziato nel 2009.

 “Inizialmente ho avuto l’impressione che fare questo lavoro non fosse necessariamente un passo in avanti per la carriera, ma amo insegnare e apprezzo i progetti di sviluppo sostenibile. Ho pensato che avrei potuto farlo per il periodo di un anno” ricorda. Da allora ha esteso il suo contratto per due volte e lo scorso anno è stata promossa a capo del dipartimento. La maggior parte degli studenti che entrano nel corso di laurea in optometria sono compresi tra i 17 e i 22 anni.

"Agli studenti di qui si insegna attraverso un metodo meccanico di memorizzazione. Nelle scuole medie o superiori ci possono essere 40 studenti in un’aula e un solo libro di testo. Quando gli studenti entrano all'università, non hanno la struttura mentale per sviluppare un pensiero critico, e l'insegnamento del processo decisionale clinico può essere molto difficile ", dice. Quando la scuola è in funzione, il dottor McGowan solitamente passa circa 20 ore tra lavoro in clinica e lezioni. In più, come capo reparto, risolve in modo creativo i problemi causati dalle risorse limitate, o potenzialmente non disponibili.

La scarsa copertura del wi-fi e l’accesso limitato al computer sono lamentele comuni tra gli studenti, "ma si può essere sorpresi dal numero di studenti che hanno un computer portatile e / o uno smartphone", dice.

Il Malawi ha otto oculisti e una serie di cliniche oculistiche di medio livello. L’optometria deve ancora ritagliarsi la sua nicchia. Non c'è dubbio che ci sia la necessità di un accesso e la comunità oculistica ha accolto con favore gli optometristi laureati nelle loro clinciche, tanto che sono stati colpiti dal loro livello di abilità. "

Alcuni dei nostri laureati sono ora a capo del dipartimento e la catena dell’assistenza ai pazienti si sta adeguando a ospitare la loro presenza in clinica. Ci sono optometristi che mi dicono che, nei loro ospedali, gli oculisti stanno insistendo sul fatto che molti pazienti vengano prima visitati dall’optometrista: hanno sviluppato una fiducia nella capacità dell’optometrista di gestire i pazienti e fare un lavoro appropriato ".

Mzuzu students

Attualmente il programma di optometria dura quattro anni, ma McGowan sostiene che la scuola dovrà quasi certamente passare ad un corso quinquennale. Gli studenti quando si iscrivono all’università non scelgono necessariamente optometria; classificano i corsi di studio in ordine di interesse. Nei primi anni, la scelta di un corso relativamente sconosciuto sembrava una mossa intelligente per essere accettato.

"Il livello di formazione è paragonabile a qualsiasi corso di una scuola di optometria ma molti studenti non hanno frequentato i corsi di base in matematica e biologia, e, ancora una volta, la capacità di pensiero critico richiede tempo per svilupparsi. Se aggiungiamo un quinto anno, per lo meno, gli studenti avranno più tempo da spendere in clinica. "

Inizialmente, i laureati del corso sono stati assegnati a quattro degli ospedali centrali della nazione dove completano l'obbligo di servizio civile, un obbligo per chiunque abbia ricevuto una borsa di studio finanziata dal governo. Ci sono circa altri 25 ospedali distrettuali che probabilmente potranno ospitare futuri laureati. La Dr.ssa McGowan ha anche dichiarato che nonostante torni regolarmente negli Stati Uniti (viene quasi sempre a casa per l'American Academy of Optometry), non prevede un ritorno definitivo negli Stati Uniti nel breve periodo.

"Vivere la mia vita all’estero mi attrae ancora. Recentemente ho comprato una macchina che ha reso la mia vita molto più facile."

A Mzuzu, lo scorso anno, ha aperto una catena di negozi di alimentari di grandi dimensioni, così ora si possono acquistare tutto l’anno prodotti tipici, come il formaggio e il sedano, anche se spesso, la dottoressa, va ancora a fare la spesa al mercato. Compra il vestiario nell’enorme mercato di vestiti di seconda mano perché i vestiti nuovi sono molto costosi, spesso di scarsa qualità e non facilmente reperibili. Neanche Amazon non consegna da quelle parti, così quando torna negli Stati Uniti spesso parte con una lunga lista della spesa che comprende anche materiali elettronici, estremamente costosi da comprare a livello locale, se e quando disponibili.

Nel dipartimento di optometria è iniziata l'assunzione di alcuni dei laureati del corso e altro personale, la dottoressa McGowan sta cominciando a prendere in considerazione quali saranno le prossime mosse da fare.

“Vado d'accordo con gli studenti, e mi piacciono le sfide della vita quotidiana dove è importante essere creativi e flessibili per riuscire a portare a termine le cose, sia se si sta insegnando una competenza clinica che l’esercizio delle attività amministrative più banali. Non avrei mai pensato alla "pazienza" come a una competenza professionale ", dice, ridendo della lentezza del ritmo di lavoro che a volte è frustrante.

“Ad un certo punto credo che mi sentirò abbastanza soddisfatta qui a Mzuzu per spostarmi altrove. Il Brien Holden Vision Institute lavora costantemente a nuovi progetti in tutto il mondo e mi emoziona l’opportunità e la possibilità di continuare ma in quale parte del mondo andrò a finire ancora non lo so”

Articolo per gentile concessione di Women in Optometry

Foto per gentile concessione di Women In Optometry

L’articolo originale è qui (English)

TOP